Forgive and Forget ……

Dossier: età massima ed altezza minima per partecipare ai concorsi nella Forze Armate e di Polizia nel mondo

Con questo specchietto introduttivo voglio rendere pubblica una delle tante discriminazioni che avvengono SOLO nel nostro Bel Paese:gli assurdi limiti di altezza ed età per concorrere nelle carriere militari e di polizia.

Per l’altezza si potrebbe parlare di un limite strutturato in base a studi effettuati da parte di “commissioni specializzate” (in tutti gli altri paesi nel mondo si saranno bevuti il cervello evidentemente), ma leggendo attentamente lo schema appare chiaro che non esiste un criterio logico sulla base del quale è stato inserito il limite di altezza italiano. È evidente come l’Italia, una nazione con una altezza media nella media (perdoni il giro di parole) si ritrovi con limiti di altezza che superano addirittura quelli della Germania, ad esempio,con un’altezza media SUPERIORE ALLA NOSTRA.A tal proposito proprio il 7 luglio 2009 è stata approvata la legge n. 93 recante, modifica dell’articolo 6 del decreto legislativo 28 febbraio 2001, n. 82, in materia di arruolamento dei congiunti di appartenenti alle Forze armate vittime del dovere, concernente l’abbassamento del limite di altezza a 150 cm per entrambi i sessi. Una scelta che noi abbiamo ritenuto giusta, ma che di fatto ci discrimina fortemente e che ci ha fatto porre alcune domande non solo a noi, viste le perplessità di alcuni membri della 1°Commissione Affari Costituzionali di entrambe le camere, cui fu richiesto il parere nell’approvazione delle legge 93/2009.
Ci teniamo a sottolineare che ci appelliamo all’articolo 3 della Costituzione della Repubblica italiana e che non abbiamo nulla contro i figli dei caduti che meritano, piuttosto, tutto il nostro rispetto.Cito solo le parole del suddetto articolo:

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.”

QUESTA LEGGE AD PERSONAM HA TUTTO FUORCHé UGUAGLIANZA DAVANTI ALLA LEGGE ETC.ETC.

E proprio a tal proposito, pensiamo che l’articolo 3 della Costituzione non venga rispettato nel momento in cui la legge si applica in modo differente solo per una certa categoria di persone senza limitazioni al’operatività del ruolo che si andrà a svolgere. È certamente comprensibile che i figli dei caduti abbiano una normativa a parte per la procedura concorsuale, ma è inaccettabile che vengano modificati i requisiti fisici per l’arruolamento (anche perché si poteva trovar loro occupazione tra le fila civili del Ministero della Difesa)
Ricordo, inoltre, che il caso è stato creato dalla richiesta di arruolamento della figlia del maresciallo Pezzulo, morto in Afghanistan, che presenta un’altezza di 152 cm. Allora ci viene da chiedere:
“Cosa succederebbe se in futuro, un figlio di un caduto (ci auguriamo di no) non idoneo per eccesso ponderale voglia seguire le orme del suo caro deceduto? Anche in questo caso si provvederà con il debito apparato normativo?”
È chiaro dunque l’aperto attentato realizzato ai danni dell’art. 3 della Costituzione Italiana.

Discriminazione Età:

Con questo secondo specchietto (negli Stati Uniti da pochi mesi il limite d’età è stato alzato ULTERIORMENTE a 45 anni) introduco la seconda discriminazione che riguarda i giovani nei concorsi nelle Forze Armate e di Polizia.

Non solo,questi limiti di età sono in contrasto con l’ART 21 della CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL’UNIONE EUROPEA nonché contrari al Decreto Legislativo 9 luglio 2003, n. 216 in Attuazione della direttiva 2000/78/CE per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, nonché contrari alla costituzione ART 3 e ART 4 E NON C’E’ DEROGA CHE TENGA DATO CHE IN DIRITTO ESISTE UNA GERARCHIA DELLE NORME GIURIDICHE, nel senso che solo una norma costituzionale o una successiva direttiva europea può modificarle.Per quanto concerne l’aumento dell’età media nell’Unione Europea, nel 2005 il record assoluto è detenuto dall’Italia, con una percentuale pari al 19,4%,in parole povere siamo i più vecchi in Europa e abbiamo il limite più basso,è PARADOSSALE! Senza dimenticare che la pensione è quasi scomparsa,quindi cade anche la “giustificazione” che troppo anziani non si può concorrere per il rischio di non raggiungere gli anni utili alla pensione.

Non sono mancate in questi anni petizioni,proposte di legge (P.d.L.3160 e 3161 dell’On. Amalia Schirru, 4084 dell’On. Cicu, 4113 dell’Onorevole Di Stanislao, 4295 dell’On. Turco e dell’On. Gallone 2349,ma anche l’Atto Senato n. 1697,poi decaduto insieme al Governo Prodi) ma gli anni passano e niente è cambiato,certamente non per volere di chi combatte per queste sacrosante cause,che approfitto per ringraziare,ma di persone che mettono al primo posto l’estetica all’intelligenza e alla passione.

Concludo chiedendo a te che leggi:TI SEMBRA GIUSTO?SE Sì,PERCHé?E,soprattutto,cosa hanno nel resto del mondo più di noi per avere più più possibilità?

CONDIVIDI E CLICCA SU MI PIACE SE INVECE LA PENSI COME ME E TANTI ALTRI.

Dante

8 Risposte

  1. Discrimnazione preselettiva fuori legge, ma la cosa piu’ grave e’ che
    GIUDIRICAMENTE NON SI PUO’ FAR NIENTE

    21 febbraio 2012 alle 13:59

    • e chi fa le leggi,perche’ non riflette prima bene se ci sono ingiustizie e discriminazioni che possono verificarsi?Mi viene un dubbio…..forse non se ne importano piu’ di tanto,perchè a loro nulla vien toccato??????

      1 giugno 2012 alle 12:53

  2. La cosa bella è che i politici fanno in breve tempo le leggi,ma a loro favore,e il popolo????Poi se devono modificare,per giusti motivi e su proposte del popolo,ci mettono un’eternita’!!!Vi sembra bello o logico????E intanto beffano tanti giovani.

    22 maggio 2012 alle 12:59

  3. riccardo

    Mi rivolgo agli Onorevoli proponenti il recente disegno di legge di affinchè insistano nel portarla a termine: sono certo che avranno la riconoscenza di migliaia di giovani e delle loro famiglie

    23 maggio 2012 alle 10:33

  4. perchè non riflettono bene prima di formulare leggi???E se ognuno pensasse agli altri ,come sarebbe bello,,……..credo non si verificherebbero discriminazioni e ingiustizie!!

    1 giugno 2012 alle 13:16

  5. E’ assurdo che esistano certi limiti, l’ Italia impedisce la possibilita’ di arruolamento di milioni di persone. Suddetti limiti violano l’art. 3 della costituzione e la deroga non ha ragione d’esistere, inoltre la legge 127 del 1997 ha abolito i limiti d’eta’ nei concorsi pubblici. E la deroga deve essere prevista da una norma regolamentare, e’ ora di dire basta a queste selezioni tra l’altro non regolari e che vanno in contrasto con i principi costituzionali. Si dovrebbe sin da ora ricorrere in tutte le sedi per bloccare le procedure selettive, Tar, Consiglio di Stato. E’ ora di dire basta a queste discriminazioni, le selezioni devono avvenire in base alla forza fisica, le capacita’ psico attitudinali, e non in base all’ eta’. Chi dice che un 25 possa partecipare e un 27 30 no. Portiamo i limiti se proprio devono esserci a 45 anni e uniformiamoci al resto d’europa o le leggi si fanno solo per proteggere determinate caste? Adesso basta ragazzi e’ ora di dire basta e di agire coesi verso una nuova direzione.. Tutti uniti verso un unico obiettivo, eliminare le ingiustizie..

    19 aprile 2013 alle 15:08

  6. Monica

    Io sono convinta che non ci sia nessuna discriminazione. Se non si fa caso alle differenze e alle AGEVOLAZIONI create ad arte per AGEVOLARE le donne discriminando gli uomini.
    Parliamo di fatti. Esempio 1
    Chiamata per rissa tra due uomini di un’altezza media di 1,70 e 1,75 (e mi sono tenuta bassa), interviene una pattuglia composta da una donna alta 1,55 e un uomo 1,60…chi, secondo voi avrà la meglio? Povero quel poliziotto o CC!
    Esempio 2 Violenza su una donna maritino altro 1,80 pattuglia di due uomini alti 1,60….che fanno gli sparano o chiamano aiuto perchè incapaci di affrontare fisicamente la situazione??? L’altezza in questo mestiere é molto importante, non è tutto, ma ha la sua importanza. La crisi c’è per tutti, mi spiegate perchè dovete abbassare il livello delle forze armate italiane peggio di com’è solo perchè anche voi volete il posto fisso?
    Sono sicura che tutto questo AMORE per la patria una volta col sedere sulla “poltrona” ve lo dimenticherete!

    28 ottobre 2014 alle 12:51

  7. Enrico

    Questo è uno dei tanti problemi dell’italia, un paese totalmente ingessato, per esempio all’estero chi si arruola lo fa per alcuni anni, poi magari va all’università e si trova un lavoro nel privato, invece in italia è tutto bloccato, c’è anche chi si lamenta che dopo 4 anni di ferma magari non viene riconfermato, ma è una cosa normale, chi passa fisso dovrebbe essere il migliore e selezionato, gli altri si fanno i loro anni da giovane e poi si congedano e fanno altro, invece in italia una volta che hai preso una strada, non puoi uscire, con gli statali che hanno tutti i diritti e i privati devono morire, ti credo che poi ci sono rivolte sociali come l’astensione.
    Un altro problema solo in italia è che per fare il poliziotto o carabinieri, prima devi fare il militare per anni e poi a 25 anni diventi agente di polizia, ma ormai hai il modus operandi da militare che è diverso da quello di poliziotto, anche i sindacati di polizia si lamentano di questa cosa.

    26 agosto 2016 alle 22:56

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...